Fracomina Mini a Pitti Bimbo: il recycling game dei bambini con Barbara Gulienetti

di il 23 gennaio 2015 in Moda Bambina, Speciale Pitti Bimbo

Fracomina Mini a Pitti Bimbo: il recycling game dei bambini con Barbara Gulienetti
Pubblicita'

La speciale live performance firmata Fracomina Mini ha letteralmente colorato di verde la manifestazione dedicata al childrenswear che ha aperto ieri i battenti a Firenze. Ieri mattina, giovedì 22 gennaio, lo stand del brand è stato inaugurato da un recycling game davvero unico guidato da Barbara Gulienetti, la celebre conduttrice di “Paint your Life”, e riscaldato dalla presenza di moltissimi bambini ansiosi di divertirsi riciclando!

Una nuova frontiera dell’ecostenibilità capace di arricchire con consapevolezza e divertimento anche un momento ludico come il gioco: sotto la guida di Barbara, infatti, i giovani ospiti dello stand hanno letteralmente dato nuova vita a oggetti di uso quotidiano mettendo in campo fantasia e creatività per creare nuovi compagni di gioco dall’animo green.

“Far capire l’importanza della riduzione degli sprechi e della riconversione degli oggetti è una delle sfide che le nuove generazioni devono affrontare per salvaguardare il mondo” ha dichiarato Ferdinando Prisco (CEO Fracomina).

La moda sostenibile sta diventando in poco tempo la cifra distintiva del brand che ha presentato recentemente il suo ventaglio di progetti dall’animo verde che appartengono al programma “Seed the Future!”. Una filosofia verde sviluppata da Fracomina non solo all’interno dell’azienda e del suo processo produttivo – dall’impegno per il futuro a diminuire le emissioni di CO2 all’eliminazione dei prodotti tossici, dal rispetto dei requisiti eco friendly fino all’impego per diventare un’azienda a impatto zero – ma con una serie di attività esterne cui fanno parte questa di Pitti Bimbo e quelle realizzate in collaborazione con Treedom.

Tra queste, la nascita della Foresta Fracomina in Kenia e il debutto di una capsule collection, impreziosita da semi piantabili per invitare anche le consumatrici a prendersi cura dell’anima verde del pianeta.

Stampa articolo

Commenta con i tuoi amici su Facebook