Animali e bambini: a Firenze gli amici a 4 zampe possono aiutare i bimbi ricoverati in ospedale

di il 30 gennaio 2014 in News

Animali e bambini: a Firenze gli amici a 4 zampe possono aiutare i bimbi ricoverati in ospedale
Pubblicita'

A partire da questa primavera i cani potranno entrare nelle corsie d’ospedale per andare a far visita ai bambini ricoverati. Tutto questo succederà all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Dopo anni di pet therapy, le porte dell’ospedale si apriranno anche ai cani non addestrati.

Leggi anche: PET THERAPY: BAMBINI E ANIMALI, UNA RELAZIONE IMPORTANTE PER I PIU’ PICCOLI

“E’ un lavoro impegnativo, dobbiamo stabilire regole soprattutto igieniche e comportamentali precise, ma è una sfida da vivere al massimo insieme ai medici, agli infermieri, al personale e alla direzione del Meyer che dimostrano – come sempre – una grande professionalità e attenzione alle necessità del bambino e delle famiglie”, scrive Antropozoa, che con il Meyer collabora da 12 anni con progetti e interventi che prevedono l’aiuto degli animali.

Al pediatrico è tutto pronto per iniziare con questo nuovo progetto. Si è fatto un lavoro minuzioso per permettere le visite in sicurezza: la struttura dovrà essere in grado di ospitare gli animali e si valuterà caso per caso se la visita dell’amico a quattro zampe potrà essere davvero utile ai piccoli pazienti. Bisognerà anche accettarsi che la visita di Fido non infastidisca il compagno o la compagna di stanza.

Ci sono poi tutta una serie di requisiti che deve avere il cane per poter entrare: non dovrà essere nervoso e non dovrà abbaiare troppo facilmente. Dovrà avere più di 8 mesi e prima di entrare dovranno essere visitati da un veterinario che attesterà le buone condizioni di salute dell’animale. 24 ore prima del suo ingresso dovrà essere lavato con uno shampoo anti micotico.

Lo scopo di fondo di questo progetto è quello di attribuire un valore curativo all’incontro del piccolo paziente con il suo adorato cane. Che ne pensate??

Fonte | greenme.it

Pinterest

Stampa articolo

Commenta con i tuoi amici su Facebook