Capelli secchi e aridi in gravidanza? Ecco come risolvere questo problema

di il 19 aprile 2013 in Premaman, Salute

Capelli secchi e aridi in gravidanza? Ecco come risolvere questo problema
Pubblicita'

Molte bellissime donne dello spettacolo in questi primi mesi del 2013 sono diventate mamme, basta pensare a Belen Rodriguez, Raffaella Fico, Carmen Russo o Serena Autieri (solo per fare qualche nome) e, nessuna di loro, durante i mesi della gravidanza, ha rinunciato a curare l’aspetto fisico (nessuna dovrebbe farlo, in realtà) e, in particolare, tutte hanno sempre mostrato dei capelli perfetti. Ma, come avranno fatto? Ecco come curare i capelli durante la gravidanza.

Durante la gravidanza, i capelli possono diventare aridi e fragili e alcune donne lamentano, in particolare, maggiore secchezza oltre, in alcuni casi, ad una perdita abbondante. E’ anche per risolvere questo tipo di problematiche che ci si può affidare ai trattamenti estetici di ultima generazione dedicati alla cura del capello, che si possono effettuare senza alcuna controindicazione anche nei mesi della gestazione. Fra questi l’innovativo trattamento di Tricologica, area di specializzazione di Dermal Institute dedicata al trattamento estetico anti-age di capelli e cuoio capelluto, che ha studiato un dispositivo estetico altamente tecnologico anche per le donne in gravidanza.

Il dispositivo, nato dopo anni di ricerche e test di laboratorio, in sinergia con il Comitato Ingegneristico, eroga ossigeno a elevato grado di purezza e ad alta concentrazione attraverso un apposito manipolo infusore per apportare ossigeno a tutta la cute e al capello. Il dispositivo permette di contrastare l’effetto che età, fattori ambientali di stress o cambiamenti causati dalle modifiche dei livelli ormonali (come accade, appunto, in gravidanza) producono a livello di degradazione dei microcapillari che vascolarizzano il derma, causando il rallentamento del metabolismo dei fibroblasti.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’!

 

Pinterest

Stampa articolo

Commenta con i tuoi amici su Facebook