Fratelli e sorelle, chi nasce prima ha un quoziente intellettivo più alto: la ricerca dell’Università tedesca

di il 26 ottobre 2015 in Bambini Vip

Fratelli e sorelle, chi nasce prima ha un quoziente intellettivo più alto: la ricerca dell’Università tedesca
Pubblicita'

Chi è il più intelligente in famiglia? Tra fratelli e sorelle, si sa, questo è sempre uno dei temi più dibattuti. “Tutti e due” rispondono sempre mamma e papà, ma ora a fare da intermediario è una ricerca condotta dall’Università di Leipzig in Germania. I risultati parlano “chiaro”, chi nasce prima ha un quoziente intellettivo più alto. Ma scopriamo il motivo.

I fratelli maggiori hanno un quoziente intellettivo più alto

I ricercatori, in particolare, si sono avvalsi di diversi studi e un campione composto da 20.000 persone provenienti da Germania, Stati Uniti e Gran Bretagna. Hanno notato che tra fratelli il primogenito ha il quoziente intellettivo più alto in famiglia e che ogni nuovo nato ha un punteggio che va abbassandosi via via di 1,5 punti. Come mai succede questo? Qual è la spiegazione?

La ricerca: perchè i maggiori sembrerebbero più intelligenti in famiglia?

Le ipotesi sono numerose: prima di tutto questi risultati potrebbero essere legati al fatto che i più piccoli, spesso e volentieri, sono lasciati più liberi di fare quello che vogliono. Il primogenito, invece, diversamente ha l’attenzione totale dei genitori fino a quando non nascono fratelli o sorelle. “Fra le teorie c’è quella che i figli successivi ricevono meno attenzione, mentre il primo figlio è il fulcro dell’interesse di tutta la famiglia, spesso per mesi o per anni”, spiega Julia Roher, ricercatrice dell’Università di Leipzig. I maggiori sarebbero infatti più seguiti e più controllati e, di conseguenza, avrebbero maggiori occasioni per apprendere all’interno dello stesso nucleo familiare.

I figli maggiori più seguiti dei più piccoli

 

A questi risultati si va ad aggiungere uno studio della Cornell Univeristy, secondo il quale durante tutta l’infanzia i genitori dedicano circa 20-30 minuti di tempo in più ai primogeniti rispetto ai fratelli nati dopo. La ricerca tedesca, inoltre, aggiunge: “Il primogenito è una specie di ‘tutor’ dei più piccoli, un insegnante poco più grande di loro . Questa funzione ‘di guida’ avrebbe un ruolo importante nello stimolare l’intelligenza del bambino. Insegnare richiede capacità cognitive. Tutto questo dà un importante input alla loro intelligenza.”

Cosa ne pensate?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Fonte| repubblica.it

Photo| musicoterapia.it

 

Pinterest

Stampa articolo

Commenta con i tuoi amici su Facebook