Ecco com’era Aldo Palmeri prima di conoscere Alessia Cammarota. Le sue parole

di il 10 settembre 2014 in Bimbi Gossip

Ecco com’era Aldo Palmeri prima di conoscere Alessia Cammarota. Le sue parole
Pubblicita'

Aldo Palmeri e Alessia Cammarota ormai sono inseparabili da qualche mese: dopo la loro esperienza a Uomini e Donne i due sono subito andati a vivere insieme e, da circa due mesi, hanno preso una casa in affitto a Roma. La loro quotidianità è così subito cambiata ed entrambi devono fare i conti con le gioie e i “dolori” della convivenza.

In una recente lettera pubblicata sul settimanale DiPiù, Aldo ha raccontato ad Alessia (e a tutti i lettori) di essere molto cambiato da quando sta con lei: è più indipendente e sta mettendocela tutta per darle una mano in casa.

Ecco in particolare cosa ha raccontato Aldo:

“Adesso che vivo con te, mi sto impegnando al massimo per modificare le mie abitudini e lo sto facendo unicamente per il grande, grandissimo amore che provo nei tuoi confronti. E, credimi, sono già cambiato tantissimo, anche se tu, a quanto pare, non te ne rendi conto.
Perciò, per fartelo capire meglio, ti racconto nei dettagli come vivevo prima di mettermi con te, quando vivevo in Sicilia.
Pensa , solo per farti un esempio, che io non ho mai avuto una sveglia: ogni sera, dicevo a mia madre a che ora mi sarei dovuto alzare la mattina e lei, puntualmente, all’ora che le avevo indicato veniva nella mia camera a svegliarmi, portandomi pure il caffè a letto.
Poi mi preparava la colazione e, mentre io mangiavo, tornava nella mia stanza, rifaceva il letto, e vi disponeva sopra i vestiti che avrei dovuto indossare in modo che li trovassi già pronti, dopo la doccia, e non dovessi perdere tempo a cercarli.
Quando uscivo per andare a lavoro, mamma mi chiedeva sempre cosa volessi mangiare per cena, in modo che potesse fare la spesa e farmi trovare pronto quello che desideravo quando tornavo a casa.
Io so cucinare bene, fra i tanti mestieri che ho svolto ci sono pure l’aiuto-cuoco e il pizzaiolo, ma in casa mia non mi sono mai nemmeno avvicinato ai fornelli: mamma non mi ha mai permesso di preparare neanche un piatto di spaghetti perchè la cucina era il suo regno e doveva essere lei a occuparsi di tutto.
E, ovviamente, non mi sono mai sognato di sparecchiare, ne tantomeno di lavare i piatti o spazzare per terra. Per me erano tutte cose inimmaginabili.
Ecco, Alessia: ora che conosci meglio come era la mia vita prima di incontrarti, forse ti renderai conto di quanto siano grandi i progressi che ho fatto per te, per il grande amore che provo nei tuoi confronti.
i primi giorni insieme nella nostra casa, lo ammetto, sono stati difficili: ancora mi ricordo le tue “sfuriate” per il mio disordine e i miei vestiti sporchi sparsi per la casa.”

LEGGI QUI IL RESTO DELLA LETTERA

Pinterest

Stampa articolo

Commenta con i tuoi amici su Facebook