La mamma di Arisa indagata per lo scandalo dei falsi invalidi a Potenza la reazione

La mamma di Arisa indagata per lo scandalo dei falsi invalidi a Potenza la reazione

La mamma di Arisa indagata per lo scandalo dei falsi invalidi a Potenza la reazione. In merito all’inchiesta dei falsi invalidi di Potenza, oggi martedì 24 settembre, nel corso della diretta di “Mattino Cinque” è stata data la notizia che tra gli indagati c’è anche la mamma della cantante Arisa.

La mamma di Arisa indagata per lo scandalo dei falsi invalidi a Potenza la reazione

Le indagini proseguono da diversi mesi e stando a quanto riferito nel programma di Canale5, pare che la donna 62enne abbia ottenuto il riconoscimento dell’invalidità grazie a professionisti compiacenti, tra cui un avvocato. Non si sa niente di più ma sembra che la madre della cantante Arisa sia riuscita a raggirare lo Stato in questa presunta truffa che ammonterebbe a circa 24 mila euro. La signora, madre di Arisa,  è residente a Pignola, un piccolo paese dell’entroterra lucano in provincia di Potenza. Stando a quanto è emerso dal lavoro delle forze dell’ordine, grazie ad alcuni sotterfugi la donna avrebbe ottenuto l’indennità di accompagnamento per invalidità civile, per un totale di 805 euro al mese, che le verrebbero riconosciuti a partire dal 2017.

Le prime parole della mamma di Arisa: “Combatto contro la bestia”

Contattata dal sito fanpage.it la madre di Arisa ha rilasciato queste dichiarazioni:”“Non sto bene, Io sto combattendo contro la ‘Bestia’. La sedia a rotelle? La uso un po’ sì e un po’ no. La prendo sempre quando esco di casa.” . Quando la madre di Arisa parla di bestia si riferisce al tumore che l’ha colpita. Gli inquirenti però pensano che non si aa causa di questo che la signora abbia messo in atto la “presunta” truffa.

Ancora silenzio da parte della cantante Arisa. Si, attendono, infatti, in queste ore le sue parole.

In alto la foto che ci è stata inviata dall’ufficio stampa di Pomeriggio 5 e che raffigura la mamma di Arisa che cammina normalmente.

Commenta adesso