Nina Moric, intervista: “L’unico uomo della mia vita è mio figlio Carlos”

di il 14 aprile 2014 in Bimbi Gossip, Mamme

Nina Moric, intervista: “L’unico uomo della mia vita è mio figlio Carlos”
Pubblicita'

Nina Moric ha deciso di dare una svolta alla sua vita: dopo aver ottenuto il divorzio da Fabrizio Corona, la showgirl ha confessato di aver detto basta all’amore e di volersi dedicare solo a suo figlio Carlos. In una recente intervista rilasciata al settimana Tutto, infatti, ha dichiarato:

Ormai penso che il principe azzurro non esista, se arriva bene, io non lo cerco più. Sono una vera casalinga. E’ quasi un mese che sono chiusa in casa con mio figlio Carlos, guardiamo tonnellate di film, parliamo, giochiamo e quando lui è preso a fare altro io mi dedico alla musica. Lui è straordinario, ha una testa che va oltre un bambino della sua età. Vedo per lui un grande futuro davanti, il Signore mi ha regalato questo meraviglioso dono e ogni giorno lo ringrazio. Mi sento la mamma più fortunata del mondo. E’ il mio successo più grande. E’ il vero grande amore della mia vita”.

Dopo le storie tormentate con Massimiliano Dossi e con Matteo Bobbi, la Moric ha quindi voluto mettere se stessa davanti e, soprattutto, il suo bambino.

Già qualche tempo fa Nina aveva scritto una lettera a Fabrizio Corona attraverso il giornale Chi, spiegando che la cosa più importante della loro vita è Carlos ed è solo a loro che devono pensare: “Abbiamo un figlio meraviglioso, nessuno ti toglierà il ruolo di padre. E lasciamo stare le polemiche sulle visite in carcere: ho cercato di rispettare le regole imposte dal Tribunale dei minori, ho atteso il permesso della psicologa, ho atteso anche che i tuoi avvocati mi contattassero per fissare l’incontro. E, alla fine, hai potuto vedere tuo figlio, questa è la prova che ho fatto la mia parte. Non ti farò mai mancare l’affetto di Carlos. E non porto rancore. Quell’ultima pagina della tua lettera è durissima. Come donna sono stata ferita, forse ci siamo fatti male tutti e due e mi prendo le mie colpe. Ma le mie erano solo ripicche a quello che ho subìto. [Continua a leggere…]

Pinterest

Stampa articolo

Commenta con i tuoi amici su Facebook